Rem, in arrivo il reddito di emergenza

Il decreto Cura Italia di aprile contenente le misure economiche per fronteggiare la crisi causata dall’emergenza coronavirus, diventa decreto di maggio in quanto sarà ufficializzato nei giorni a venire. Secondo l’ultima bozza, diversi sono gli strumenti di sostegno da adottare per far ripartire il Paese. Tra queste il Rem, ovvero ‘reddito di emergenza’, è la misura di sostegno al reddito per i nuclei familiari in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Esso consisterà in un contributo mensile che varia dai 400 euro fino a un massimo di 800 euro, a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare (seguendo le regole già previste per il Reddito di Cittadinanza) e avrà una durata di 3 mesi. E’ possibile che tale pagamento slitterà nei mesi di giugno e luglio e con questa tempistica potrebbe servire anche a dare un sostegno a chi è in difficoltà durante la stagione estiva.

A chi sarà destinato il Rem?  “ In una situazione d’emergenza come questa bisogna aiutare tutte le famiglie in difficoltà” spiega il Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo. Il reddito di emergenza infatti dovrebbe arrivare in favore di quanti sono rimasti fuori dalle misure del decreto Cura Italia: lavoratori precari, intermittenti, fast job impiegati a giorni, settimane o qualche mese durante l’anno, gli irregolari e gli stagionali del settore turistico come camerieri, baristi, bagnini etc. Circa 3 milioni di persone attive per lo più al Sud prive di ogni tutela. Il Rem dunque sarà destinato a tutta quella platea di più deboli che non percepiscono ammortizzatori sociali.

Chi percepisce il Reddito di Cittadinanza potrà richiedere il Rem? Sì, al fine di ricevere un’integrazione ma la somma dei due non dovrà superare il limite del Rem.

I requisiti previsti:

Residenza in Italia e verifica della stessa; valore del reddito mensile inferiore ad una soglia pari all’ammontare del beneficio stesso; patrimonio mobiliare, con riferimento al 2019, inferiore a €10.000. Questa soglia è aumentata di ulteriori €5.000 per ogni componente del nucleo familiare diverso dal richiedente, fino ad un massimo comunque di €20.000;  ISEE inferiore a €15.000.

Come richiedere il Rem?  La richiesta dovrà essere presentata entro il 1° luglio 2020  tramite un apposito modello predisposto dall’INPS e seguendo le modalità decise dall’Istituto. Con ogni probabilità, si procederà con un’autocertificazione nella quale si dovrà dichiarare di non avere entrare economiche e altri mezzi di sussistenza.

L’istituzione del Reddito di emergenza sarà ufficializzata nei prossimi giorni dal Consiglio dei ministri.

Comments are closed.