Parto in casa. Una scelta controversa delle mamme di oggi

nascitaEsperienza che pensavamo aver lasciato nel passato delle nostre nonne e bisnonne, il parto in casa è diventato una scelta meditata e consapevole delle mamme di oggi.

Vi sono varie ragioni per cui alcune donne scelgono di partorire in casa. Tra queste vi è l’idea che l’ambiente domestico sia più intimo e confortevole, rispetto a quello ospedaliero.

È senza dubbio una scelta coraggiosa e controversa, dal momento che si decide di abbandonare, almeno in parte, i vantaggi ospedalieri. Secondo l’Associazione Nazionale Culturale Ostetriche Parto a Domicilio e Casa Maternità la maggior parte delle gravidanze è fisiologica e le nascite possono avvenire senza eccessiva medicalizzazione. Sostiene che il parto in casa è sicuro come quello in ospedale e questo è stato verificato attraverso una ricerca su 24.000 donne (Meta-analysis of the safety of home birth – 24 mar. 1977). Lo studio dimostra che il parto in casa è sicuro e che riduce gli interventi medici inutili su donne e bambini sani. Pertanto, una donna con una gravidanza a basso rischio può decidere di far nascere il proprio bambino in casa senza rischi.

Di contro, invece, a sottolineare i rischi di tale scelta è la Società Italiana di Neonatologia secondo la quale, nonostante la maggior parte delle donne sane abbia un parto fisiologico e una gravidanza senza problemi, c’è sempre da considerare il fattore ‘imprevisto’. Anche nelle condizioni ideali non è possibile escludere, con assoluta certezza, la possibilità che si presentino delle complicazioni. Ciò metterebbe a rischio la salute di mamma e bambino e implicherebbe un necessario ed immediato trasferimento in ospedale, anch’esso di per sé rischioso. Inoltre, per il parto in casa è prevista una variabile associata ad un aumentato rischio di patologie neonatali, se confrontato con parto programmato in ospedale.