Coronavirus, gravidanza e parto

gravidanzaLa gravidanza e il parto sono tra gli eventi più emozionanti nella vita delle donne. Sono nove mesi di gioia, amore ma anche tanta preoccupazione. Sono tanti gli interrogativi che le donne si pongono, così come le paure. Insomma, diventare mamma già in condizioni normali può suscitare ansia e turbamento. Ai tempi del Coronavirus, a maggior ragione, le preoccupazioni si amplificano. Ma le neo e future mamme possono essere tranquillizzate.

Non sono molti i dati disponibili ma sono sufficienti a poter dire che il virus non si trasmette durante la gravidanza. Neppure il parto sembra essere un momento critico. Molto importante è, però, che le gestanti e le neomamme seguano rigorosamente le regole in vigore per la popolazione volte a contrastare la diffusione del contagio. Per ridurre il rischio di trasmissione al bambino si raccomanda l’igiene delle mani e l’uso della mascherina durante la poppata o durante la spremitura del latte.

Nei nati da madri con sintomi, il virus non è stato trovato né nel liquido amniotico né nel sangue del cordone ombelicale. Non ci sono quindi prove di una trasmissione del Coronavirus dalla mamma al bambino. L’unico caso registrato di neonato infettato dalla madre sembra essersi verificato per via aerea. Di conseguenza, anche per quanto riguarda l’allattamento, si conferma l’assenza di trasmissione verticale attraverso il latte materno.

Per quanto riguarda le visite, al momento, sono limitate a un solo familiare. Certo, non è semplicissimo da accettare. Ogni nuovo genitore vorrebbe condividere la gioia della nascita di un bambino con amici e familiari. Ma questa precauzione è necessaria per garantire la necessaria sicurezza al bambino, alle donne e allo staff dell’ospedale

Ulteriori approfondimenti sono disponibili sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità.